CORONAVIRUS: arriva la ZONA BIANCA, ecco che significa, DOVE ci sarà e PERCHÉ

CORONAVIRUS: arriva la ZONA BIANCA, ecco che significa, DOVE ci sarà e PERCHÉ

(di meteopuglia)La chiamano zona bianca oppure verde. E il governo la vuole introdurre a partire dal 15 gennaio per consentire in alcune aree d’Italia la ripartenza di ristoranti, bar, cinema, teatri, palestre e piscine. Se la proposta si concretizzerà, verrà formalizzata nel nuovo Dpcm in arrivo o in un decreto legge a ridosso di quella data.

Cos’è la zona bianca che il governo vuole introdurre dal 15 gennaio?

Secondo il Corriere della Sera, che la chiama “zona bianca”, la proposta arriva dal ministro della Cultura Dario Franceschini “per dare una nuova speranza ai cittadini” e ha ricevuto subito l’appoggio del responsabile della Giustizia Alfonso Bonafede: i due sono rispettivamente capidelegazione del Partito Democratico e del MoVimento 5 Stelle, ovvero le due forze maggiori (per numero di parlamentari) che appoggiano il governo di Giuseppe Conte. Nelle intenzioni dei due leader la zona bianca servirà a “guardare alle ripartenze almeno dove è possibile” e non è un caso che siano due esponenti dell’ala “rigorista” dell’esecutivo ad aver dato l’idea. Che avrebbe ricevuto anche l’ok di alcuni scienziati, anche se non è stata ancora portata al vaglio né del Comitato Tecnico Scientifico né della Cabina di Regia Benessere Italia che avranno evidentemente l’ultima parola sulla fattibilità della decisione. 

Secondo la proposta di Franceschini, riportata oggi anche dal Messaggero, nella zona bianca rientrerebbero le regioni, le fasce o le zona con gli indicatori migliori, e in queste aree si potrebbero riaprire i luoghi della cultura, come musei, teatri, sale da concerto e cinema. In questa zona bar e i ristoranti lavorerebbero senza limiti di orario e anche piscine e palestre tornerebbero a funzionare a pieno ritmo. Sempre però mantenendo le regole base di contenimento, come mascherina obbligatoria, distanziamento e divieto di assembramento.

I presidenti delle Regioni sono quasi tutti concordi con misure rigorose anche per le prossime settimane purché non siano modificate di settimana in settimana e siano garantiti i ristori. Diversi governatori sarebbero anche concordi sulla modifica in senso restittivo dell’Rt per accedere alle zone.  Anche il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti è d’accordo:”Dal 7 gennaio è giusto tornare alle cosiddette zone gialla, arancione e rossa, ma occorre rivedere i criteri. Oltre al criterio dell’Rt come proposto dal Governo, occorre considerare anche la classificazione dei tamponi, contando quelli antigienici, il tasso di incidenza del virus e il numero di pazienti negli ospedali”, ha fatto sapere al termine di una riunione notturna con il Governo sull’emergenza covid. “Le Regioni hanno concordato sul fatto che stiamo vivendo ancora un momento complesso, in cui il tasso di diffusione del virus è tornato a crescere, in Europa come in Italia. In più non sono ancora noti tutti i risvolti della cosiddetta ‘variante inglese’, con un maggiore tasso di contagiosità”, ha sottolineato sottolinea. Toti ha chiesto una revisione dei criteri per valutare le zone di rischio delle Regioni “Altrimenti si rischia di avere delle classificazioni regionali ingiuste e penalizzanti, o addirittura assurde, che puniscono chi fa più tamponi”. “Oggi continuerà il confronto Governo-Regioni sia sulle regole che varranno dal 7 al 15 gennaio, sia sul nuovo Dpcm che” probabilmente “varrà dal 16 gennaio per le settimane a venire”, spiega il governatore.

Come funzionerà la zona bianca: il problema dei parametri

Anche Repubblica parla di una zona con minori restrizioni ma la definisce “zona verde” e non zona bianca. Secondo il quotidiano il parametro per accedervi è quello di 50 casi ogni 100mila abitanti e non l’indice di contagio inferiore a un certo numero. Secondo il poco che si sa fino ad oggi quindi nella zona bianca: 

  • non dovrebbe essere in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5 (altrimenti non avrebbe senso tenere aperti bar e ristoranti);
  • non dovrebbero esserci limitazioni all’apertura e al servizio di bar, ristoranti, pub, locali pubblici in generale; 
  • dovrebbero riaprire, con regole e limitazioni simili a quelle introdotte durante il primo lockdown, palestre e piscine attraverso un protocollo da stilare tra gli operatori e il ministero della Salute e dello Sport;
  • dovrebbero riaprire, con regole e limitazioni simili  a quelle introdotte durante il primo lockdown, musei, mostre, teatri, cinema e sale da concerto attraverso un protocolla da stilare tra gli operatori e il ministero della Salute e della Cultura. 

Per quanto riguarda i parametri per rientrare in zona bianca, sono in ballo due indicatori: l’indice di contagio Rt, che il governo ha già in mente di modificare per l’accesso in zona arancione o rossa portandolo rispettivamente a maggiore di 1 e maggiore di 1,25, oppure l’incidenza dei casi ogni centomila abitanti. Possiamo immaginare un Rt inferiore a 0,50 per far scattare la zona bianca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *